homepage            prodotti            servizi            area riservata            english version


      PROCESSI PRODUTTIVI



      PRODOTTI E SERVIZI





      FIBRE DEI CAMELIDI

La famiglia dei 'Camelidi' è distinta in due gruppi ben differenziati: il genere 'Lama', in Sud America, e il genere 'Camelus' in Asia.

I camelidi del genere Camelus si dividono in una specie selvatica o semiselvatica, il cammello battriano, e una specie domestica, il dromedario. I cammelli sono animali tipici delle zone con climi aridi freddi, diffusi in tutta l'Asia centrale, dal Golfo Persico ai mari della Cina e del Giappone. Addomesticati da tempo immemorabile, sono sempre stati utilizzati per la lana, la carne, il latte e come animale da tra- sporto. Producono un pelo lanoso e fine, formante il sottopelo del loro lungo vello, che inizia a cadere a ciuffi nel corso della primavera ed è raccolto con l'ausilio di speciali pettini. I peli lanosi, fini, morbidi e un po' arricciati, sono di colore fulvo chiaro. La finezza dei peli lanosi varia da 10 a 30 micron, ma in media si aggira sui 17-23 micron; la lunghezza è compresa tra 4 e 12 cm. La resa media in fibra è di 5 kg all'anno per un cammello maschio e di 3,5 kg per un esemplare femmina. I piccoli del cammello, fino all'età di un anno, sono 'biondi' o quasi bianchi e il loro pelo è particolarmente morbido e pregiato. Le regioni dove si trovano gli animali che forniscono i peli di qualità migliore sono la Siberia, la Mongolia e la Cina; da essi si ricavano in prevalenza tessuti per abbigliamento esterno, ad esempio per cappotti, molto caldi e allo stesso tempo leggeri.

I Camelidi sudamericani
I Camelidi del genere Lama si distinguono in alpaca, lama, guanaco e vicuña; questi preziosi animali hanno fatto parte della vita delle popolazioni andine per molti secoli. Vivendo dai 3000 ai 5000 metri di altitudine, con temperature estreme (dai -20°C ai + 20°C in un solo giorno), hanno sempre rappresentato una risorsa importante per la popolazione: come mezzo di trasporto, come cibo per la loro carne con basso contenuto di colesterolo e per le loro soffici e finissime fibre. Le antiche popolazioni andine li preservavano convinti che Dio li avesse messi lì per rendere possibile la vita dell'uomo: gli Incas sapevano che la vita non sarebbe stata loro possibile senza la presenza di questi animali. Le fibre dei camelidi sudamericani sono, in genere, estremamente leggere e caldissime e vanno trattate con molta cura perché sono fini e non particolarmente resistenti. A causa del loro elevato costo e della loro delicatezza molto spesso vengono lavorate insieme ad altre fibre naturali, quali il cotone o la seta; la mescolatura permette di ottenere manufatti più robusti, ma altrettanto caldi, morbidi ed eleganti.



Il guanaco è un camelide affine al lama diffuso in Sudamerica, in particolare in Perù, Ecuador, Cile e Argentina. L'animale presenta un manto doppio: uno più ruvido all'esterno e uno più soffice all'interno, particolarmente fine. Il colore del manto varia di poco: solitamente si va dal marrone chiaro al color cannella scuro, con riflessi bianchi nella parte inferiore e nel collo.



La vicuña è il più piccolo dei camelidi sudamericani e quello che produce la più pregiata tra le fibre speciali. Oggi si contano circa 180.000 esemplari, di cui l'80% vive in Perù, sulla Cordigliera delle Ande, ad altezze tra i 4000 ed i 6000 metri; in questo clima freddissimo sviluppano un vello lungo e setoso ed un fittissimo sottopelo composto da fibre fini, corte e morbidissime, che, con i loro 12,5 micron di diametro, sono le fibre animali più fini al mondo. La fibra viene prelevata da animali allo stato brado; si tosano solo gli animali con più di 3 centimetri di fibra perchè il loro pelo ricresce molto lentamente e serve a proteggerle dal freddo; ogni animale rende in media, solo 150-200 grammi di fibra sucida, che diventa la metà una volta lavata e dejarrata.



Fra i camelidi sudamericani, l’alpaca è quello numericamente maggiore; la popolazione è di circa 3,5 milioni di esemplari, di cui circa l'85% vive nella parte meridionale del Perù. Vi sono due razze di alpaca, il Huacayo e il Suri; il Huacayo è il più diffuso (circa un 90%) mentre il Suri è più raro, leggermente più piccolo e con il pelo di particolare lunghezza, brillantezza e setosità. L'animale ha un pelo folto e setoso, il cui colore varia tra più di 20 gradazioni di tono (dal bianco, al marrone chiaro e scuro, fino ai grigi e neri); il sottopelo è molto più fine e morbido. La tosa avviene una volta l'anno, tra novembre e marzo.

Il lama è il più grande tra i camelidi sudamericani; fin dal periodo degli Inca, per il suo peso e la sua stazza, era usato come mezzo di trasporto. L'animale, pettinato con un processo che permette di eliminare la fibra più spessa, dà una lunga fibra soffice, brillante e di vari colori molto apprezzata nell'industria tessile.







      EXCHANGES RATES




Pettinatura di Verrone s.r.l. - strada Trossi, 2 - 13871 Verrone (Biella) - Italy - Tel. +39.0155829311 - Fax +39.0155829399
C.F. e Iscrizione Registro Imprese di Biella: 02509750028 - P.IVA: IT02509750028 - Capitale Sociale Euro 3.000.000 i.v. - Società Uninominale